COVID-19: sostegno dell’UE per l’industria del turismo 

Aggiornato il: 
 
Pubblicato:   
 

Condividi questa pagina: 

Il turismo è uno dei settori più colpiti dalla pandemia di COVID-19. Che cosa fa l’UE per tutelare imprese, lavoratori e passeggeri?

Le restrizioni ai viaggi imposte durante la pandemia del coronavirus hanno colpito duramente il turismo che rappresenta uno dei settori fondamentali dell’economia dell’UE. L’Europa è la prima destinazione turistica al mondo. A causa della crisi si prevede un calo delle entrate pari al 50% per hotel e ristoranti, 70% per operatori turistici e agenzie di viaggio e 90% per crociere e compagnie aeree. Le conseguenze della crisi sono preoccupanti soprattutto per quei paesi europei che dipendono fortemente dal turismo come Spagna, Italia, Francia e Grecia.

Il 19 giugno il Parlamento europeo ha votato una risoluzione su turismo e trasporti nel 2020, che richiede ulteriori azioni per sostenere piccole e medie imprese colpite dalla crisi. Inoltre gli eurodeputati hanno chiesto un bilancio dedicato per aiutare il settore a riprendersi. Gli eurodeputati hanno anche invitato a considerare la crisi attuale come un'opportunità per modernizzare il turismo nell'UE, rendendolo più ecosostenibile e socialmente responsabile.

Secondo l’Organizzazione mondiale del turismo, il 18 maggio scorso tutte le destinazioni turistiche nel mondo registravano restrizioni temporanee in risposta alla pandemia, 75% delle quali avevano imposto un blocco totale al turismo internazionale. Adesso i paesi europei hanno iniziato ad allentare le restrizioni.

Molti viaggiatori hanno riscontrato difficoltà a rientrare a casa, mentre le imprese turistiche stanno affrontando gravi problemi di liquidità a causa del numero ridotto di prenotazioni e dell’elevato numero di richieste di rimborso a seguito delle cancellazioni. In particolare le compagnie aeree stanno affrontando una crisi senza precedenti.

22-26 milioni  ; persone che lavorano direttamente o indirettamente nel settore turistico nell’UE

Condividi la citazione: 

Sostenere l’industria del turismo durante la crisi

Imprese e lavoratori del settore turistico possono usufruire delle misure UE prese in risposta alla crisi di COVID-19 tra cui sostegno alla liquidità, agevolazioni fiscali e maggiore flessibilità per le regole sugli aiuti di stato. Inoltre l’UE ha preso misure per sospendere temporaneamente le regole sull’assegnazione delle fasce orarie per decollo e atterraggio al fine di evitare voli vuoti.

Per tutelare i viaggiatori, l’Unione europea ha aggiornato le linee guida sui diritti dei passeggeri e la direttiva sui pacchetti turistici. Ha anche facilitato il rimpatrio di decine di migliaia di cittadini europei bloccati all’estero attraverso il meccanismo di protezione civile dell’UE. Le misure dell’UE per sostenere il turismo integrano e rafforzano i provvedimenti già presi a livello nazionale.

Il 13 maggio la Commissione europea ha pubblicato orientamenti e raccomandazioni sul turismo e sul trasporto per aiutare i paesi dell'UE a eliminare gradualmente le restrizioni di viaggio, ripristinare i servizi di trasporto e riaprire le imprese turistiche. Un'azione comune dell'UE aiuterebbe a rilanciare il settore e garantire ai passeggeri di poter viaggiare in sicurezza.


Scopri che cosa fa l’UE contro la pandemia del coronavirus

Il settore turistico nell’Unione europea 
  • contribuisce al 9,5% del PIL totale dell’UE 
  • rappresenta il 11,2% della forza lavoro nell’UE 
  • conta quasi 3 milioni di imprese, di cui il 90% sono piccole e medie imprese 

Il Parlamento chiede azioni più forti per salvare l’industria del turismo

Nella risoluzione votata il 17 aprile gli eurodeputati hanno chiesto all’UE di sviluppare un meccanismo di prevenzione e gestione per proteggere lavoratori e imprese nel settore turistico e assicurare la sicurezza dei passeggeri.

Da marzo la commissione parlamentare Trasporti e turismo sta chiedendo azioni forti e coordinate da parte dell'UE per superare la crisi. La Presidente della commissione Karima Delli ha accolto con favore il pacchetto su turismo e trasporti presentato il 13 maggio dalla Commissione europea. "È cruciale rassicurare i cittadini che sarà possibile viaggiare in modo sicuro quest'anno," ha commentato la presidente Delli. "Dovremmo usare questa crisi per ripensare il turismo nell'UE," ha poi aggiunto.

Il 15 maggio il Parlamento europeo ha approvato misure di sostegno per il settore dei trasporti per minimizzare gli effetti della pandemia su compagnie aeree, linee ferroviarie e imprese di traporto marittimo e stradale.

Scopri la nostra cronologia sulle azioni dell'UE per frenare la pandemia