Beni a duplice uso: cosa sono e perché sono necessarie nuove regole? 

 
 

Condividi questa pagina: 

L'UE è al lavoro su delle nuove norme per l'esportazione dei cosiddetti beni a duplice uso al fine di evitare che siano usati impropriamente e in violazione dei diritti umani.

Cosa sono i beni a duplice uso?

I beni a duplice uso sono prodotti progettati per uso civile che, nelle mani sbagliate, potrebbero essere usati impropriamente, allo scopo di ledere i diritti umani o di sferrare attacchi terroristici, per esempio. Tali oggetti includono diverse categorie di beni: dai droni fino ai prodotti chimici.


Sebbene lo scopo di tali beni sia quello di migliorare la vita delle persone, esiste il rischio concreto che possano essere usati, invece, in malafede. I regimi autoritari potrebbero impiegarli come forma di controllo ai danni della libertà del popolo, mentre i gruppi terroristici potrebbero usarli per i loro attacchi.


Perché sono necessarie nuove regole?

Per evitare che i beni a duplice uso vengano riutilizzati in modi che violino i diritti umani, l'UE vuole introdurre delle regole più severe sull'esportazione, così da impedirne la vendita a persone o organizzazioni intenzionate a farne un uso improprio.


L'UE sta attualmente lavorando su un aggiornamento delle regole esistenti di modo che si tenga conto anche dei recenti sviluppi tecnologici, compresi i nuovi strumenti di sorveglianza informatica, e difendere più efficacemente, di conseguenza, i diritti umani.

Quali sono i prossimi passi?

Il Consiglio e il Parlamento hanno approvato le nuove regole solo in via provvisoria; entrambe le istituzioni devono, infatti, ancora approvare ufficialmente le norme prima che queste ultime possano entrare effettivamente in vigore.


Gli eurodeputati hanno approvato le nuove norme nella seduta di plenaria di giovedì 25 marzo.


Per saperne di più su come la politica commerciale dell'UE aiuta a promuovere i diritti umani