Come viene eletto il Presidente? 

 
 

Condividi questa pagina: 

I candidati alla presidenza possono essere presentati da un gruppo politico o da 1/20 dei deputati, ossia 38 deputati (soglia minima introdotta dal regolamento rivisto). L'elezione si svolge a scrutinio segreto (articolo 15 del regolamento).


I deputati votano indicando il candidato che preferiscono su schede elettorali e le collocano in un'urna. Il processo è seguito da otto scrutatori, scelti a sorte tra i deputati. Per essere eletto, un candidato deve ottenere la maggioranza assoluta dei voti validi espressi, ossia il 50% più uno (articolo 16 del regolamento).


Le schede bianche o nulle non vengono conteggiate per il calcolo della maggioranza richiesta. Se nessun candidato è eletto al primo turno di votazione, lo stesso o altri candidati possono essere nominati per un secondo turno, alle stesse condizioni. Ciò può essere ripetuto in un terzo turno, se necessario, sempre con le stesse regole.


Se al terzo scrutinio non viene eletto nessuno, i due candidati con il punteggio più alto di quel turno passano al quarto scrutinio, dove vince quello che riceve il maggior numero di voti. Il Presidente neoeletto assume quindi la presidenza e può pronunciare un discorso di apertura prima di presiedere l'elezione di vicepresidenti e questori.

.