Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
6 novembre 2013
E-011011/2013
Risposta di Tonio Borg a nome della Commissione

1. Dato il suo carattere facoltativo, il sistema di codici cromatici di etichettatura nutrizionale raccomandato dalle autorità britanniche non costituisce un ostacolo «de jure» agli scambi commerciali. Alcune aziende del Regno Unito hanno annunciato pubblicamente che ricorreranno a questo sistema, mentre altre hanno affermato che non lo faranno; ciò dimostra che, allo stato dei fatti, il sistema non può nemmeno essere considerato obbligatorio «de facto». Non avendo ricevuto informazioni dettagliate sul sistema in questione, la Commissione non può verificare la relativa conformità agli altri criteri di cui all'articolo 35, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori(1).

2. A tempo debito la Commissione avvierà i lavori per l'attuazione di azioni riguardanti l'applicazione uniforme dell'articolo 35.

3. La Commissione ritiene che la raccomandazione di tale sistema di etichettatura da parte delle autorità britanniche non richieda alcuna notifica a norma della direttiva 98/34/CE dato che, sulla scorta delle informazioni disponibili, esso non viene considerato obbligatorio né «de jure» né «de facto». La Commissione vigilerà affinché ciò corrisponda al vero e tale misura non crei ostacoli alla libera circolazione delle merci, in linea con le disposizioni pertinenti del trattato, segnatamente quelle di cui agli articoli da 34 a 36 nonché all'articolo 35, paragrafo 1, lettera g), del regolamento (UE) n. 1169/2011.

(1)GU L 304 del 22.11.2011, pag. 18.

GU C 208 del 03/07/2014
Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2013Avviso legale