Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Articolo
 

Per fare un buon deputato europeo ci vuole...

Elezioni 2009 - Istituzioni - 08-04-2009 - 17:13
Condividi
I capigruppo indicano ai colleghi come votare

I capigruppo indicano ai colleghi come votare

Capacità di negoziare, valori europei e conoscenza delle lingue. Ma anche informazione sull'attualità politica e capacità di ascolto. Ecco alcune delle qualità richieste a un europarlamentare per svolgere bene il suo lavoro. A pochi mesi dalle elezioni, abbiamo chiesto a deputati di diverse origini e diverse appartenenze politiche quali sono gli ingredienti necessari per essere un bravo parlamentare in Europa.

Classe '74, il giovane popolare spagnolo Daniel Bautista ritiene che "non basta conoscere cosa succede nelle istituzioni europee. Bisogna avere una conoscenza di cosa succede in Europa, a livello politico e culturale. Avere un carattere aperto aiuta per negoziare con i colleghi di altri paesi e di altri gruppi politici. E chiaramente, bisogna saper parlare almeno una lingua straniera".
 
Per la labour britannica Arlene McCarty, presidente della Commissione parlamentare mercato interno "un bravo parlamentare europeo dev'essere in grado di ascoltare e recepire idee e proposte, saper identificare le aree in cui l'Europa può intervenire, ed essere in grado di aggirare la burocrazia, ma lavorare trasversalmente con i colleghi di altri schieramenti e di altri paesi per ottenere risultati. La gente può davvero esercitare il suo potere se c'è un bravo deputato a rappresentarla. E' così che abbiamo cambiato la legge sulle armi per evitare che ci siano persone con le pistole per strada, o che abbiamo aumentato i diritti dei consumatori abbassando le tariffe roaming e aumentando la sicurezza dei giocattoli"
 
"Un bravo deputato è prima di tutto un entusiasta. E' ben informato sui dossier su cui lavora, e sa accogliere i punti di vista altrui. Ma è anche importante avere valori e ideali, esprimere opinioni chiare e non aver paura di difendere le proprie idee" - spiega Jan Andersson, alla testa della Commissione per gli affari sociali - menzionando anche "i rapporti personali con i colleghi, per poter negoziare buoni compromessi." Infine secondo il socialdemocratico svedese "bisogna avere molte energie a disposizione, perché il processo decisionale europeo spesso è lungo e faticoso."
 
"Un approccio positivo"
 
La scienziata slovena Romana Jordan Cizelj eletta nel 2004 fra le fila del PPE ha notato che "è importante conoscere i temi di cui ci si occupa" e che "per raggiungere i propri obiettivi serve molta costanza. Ma anche "creatività e diligenza" e la capacità di "essere comunicativi con la gente e sopratutto avere un approccio positivo al lavoro."
 
"Devi mettere a fuoco i problemi e poi trovare soluzioni condivise. Il Parlamento funziona davvero con un approccio di tipo problem-solving. Non è un idealismo astratto che ci permette di costruire l'Europa" - sostiene Paul Rübig, il popolare austriaco 'autore' della legge che ha imposto un tetto alle tariffe roaming, concludendo che "è bello sentire di partecipare alla costruzione di un processo storico e di far parte di quello che l'Europa sta realizzando."

Citation

Non è un idealismo astratto che ci permette di costruire l'Europa. Il Parlamento funziona con un approccio di problem-solving
Paul Rübig, europarlamentare
 
L'ingrediente segreto? Darsi da fare
 
L'ex-premier estone Andres Tarand dal 2004 siede al Parlamento nei banchi del gruppo socialista. A suo avviso "l'esperienza di essere rappresentanti al Parlamento europeo è diversa per i cosiddetti vecchi e i nuovi Stati membri. Spesso è meglio eleggere persone giovani, che conoscono le lingue e generalmente sono più aperte". Certo essere un ex Primo ministro aiuta "specialmente su temi come la politica estera. Ma la cosa fondamentale per tutti resta darsi da fare ed essere attivi."
 
Fra poche settimane i cittadini europei avranno l'opportunità di scegliere chi li rappresenterà al Parlamento europeo per i prossimi 5 anni. Usa il tuo voto! Il 6-7 giugno anche tu potrai dire quali ingredienti ci vogliono per fare un bravo europarlamentare!
 
RIF.: 20090403STO53401