Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
20 giugno 2003
E-2067/03
INTERROGAZIONE SCRITTA di Maurizio Turco (NI) , Marco Pannella (NI) , Marco Cappato (NI) , Benedetto Della Vedova (NI) , Gianfranco Dell'Alba (NI) e Olivier Dupuis (NI) alla Commissione

 Oggetto:  Violazione della libertà religiosa in Kazakistan ai danni di cittadini di confessione battista
 Risposta(e) 

Due settimane dopo la celebrazione della Pasqua 2003, c'è stata un'irruzione delle autorità del Kazakistan, nella dimora del pastore Nizhegorodtsev, in presenza di 22 parrocchiani;

il 22 maggio fu comunicato al pastore Nizhegorodtsev che un processo penale era stato avviato nei suoi confronti per aver violato l'ordinanza del tribunale di esplicare le funzioni religiose in una chiesa battista non riconosciuta;

la chiesa di Nizhegorodtsev non aveva accettato di essere riconosciuta, poiché ciò avrebbe condotto ad una inaccettabile interferenza e ingerenza delle autorità statali;

questo è l'ennesimo processo penale intentato nei confronti dei fedeli della chiesa battista;

in Kazakistan, la maggior parte delle congregazioni dei testimoni di Geova e dei battisti hanno subito aggressioni per aver esercitato le loro funzioni in assenza di riconoscimento o per averlo rifiutato;

nell'ottobre 1998, in vista delle elezioni presidenziali del gennaio 1999, è stato esteso il mandato presidenziale da 5 a 7 anni e rimosso il limite di età per i candidati, limite che avrebbe impedito al Presidente Nazarbaev di ricandidarsi alla fine del mandato nel 2006;

in occasione delle elezioni presidenziali del gennaio 1999, il Presidente uscente Nazarbaev è stato rieletto con il 79,78 % dei voti e che la comunità internazionale, in particolare USA e UE, avevano formalmente criticato il processo elettorale;

nel giugno 2000 il Parlamento ha approvato una legge che permette a Nazarbaev di mantenere determinati poteri che gli permettono di intervenire sul governo anche dopo la scadenza del mandato.

Considerato quanto precede e viste le relazioni esistenti tra UE e Kazakistan, può dire la Commissione:

se è a conoscenza dei fatti esposti e
quali iniziative, nell'ambito delle relazioni esistenti, potrebbero costituire un serio ed efficace strumento per indurre il Kazakistan a rispettare i diritti umani fondamentali?

 GU C 51 E del 26/02/2004 (pag. 193)
Ultimo aggiornamento: 3 marzo 2004Avviso legale