Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
29 luglio 2003
E-2505/03
INTERROGAZIONE SCRITTA di Maurizio Turco (NI) alla Commissione

 Oggetto:  Procedura d'infrazione 2001/2151, ai sensi dell'articolo 226 del Trattato, nei confronti della Repubblica Italiana, per violazione della direttiva 89/552/CEE (Televisione senza frontiere)
 Risposta(e) 

Premesso che:

nel 2001 la Commissione europea ha avviato, ai sensi dell'articolo 226 del Trattato, la procedura d'infrazione n. 2001/2151 nei confronti dell'Italia con riferimento all'applicazione delle disposizioni di cui alla direttiva 89/552/CEE(1) del Consiglio (così come modificata dalla direttiva 97/36/CE(2));
con decisione del 20 marzo 2002 [PV (2002) 1560] ha inviato alle autorità italiane una lettera di messa in mora;
da un recente studio della Carat Export risulta che l'affollamento pubblicitario settimanale in Italia sarebbe il doppio (435 spot potenziali) di quello in Germania (220) e Francia (260);
l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, organismo cui l'ordinamento italiano affida la vigilanza circa il rispetto delle norme in materia, ha affermato nella Relazione sull'attività svolta per l'anno 2000 (paragrafo 8.1), nella Relazione sull'attività svolta per l'anno 2001 (paragrafo 2.5.1) e nella Relazione per l'anno 2002 (paragrafo 3.12.1) di aver avviato accertamenti e procedimenti volti ad individuare le violazioni commesse dalle emittenti televisive in materia di pubblicità e sponsorizzazioni;

potrebbe la Commissione far sapere se:

ritienga che lo Stato Italiano abbia effettuato un controllo sufficiente sulle emittenti radiotelevisive in materia di pubblicità commerciale (posizionamento degli spot, interruzioni, indici di affollamento, televendite e telepromozioni) così come disposto dalla direttiva 89/552/CEE e sue modificazioni?
ritienga che il procedimento di accertamento delle violazioni alle disposizioni della direttiva, adottato dal legislatore italiano in esecuzione della stessa, sia adeguato allo scopo e ritiene che le interpretazioni date dalle istituzioni italiane alle norme siano conformi con lo spirito della direttiva?
sia a conoscenza del numero di violazioni accertate negli anni 1999-2002 da parte dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, e il numero delle sanzioni conseguentemente adottate?
ritienga che l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni abbia dedicato una quantità di risorse umane e finanziarie adeguate all'efficiente assolvimento delle funzioni affidatele dalla legge?

(1)GU L 298 del 7.10.1989, pag. 23.
(2)GU L 202 del 30.7.1997, pag. 60.

 GU C 33 E del 06/02/2004 (pag. 266)
Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2004Avviso legale