Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
09 settembre 2003
E-2781/03
INTERROGAZIONE SCRITTA di Maurizio Turco (NI) , Marco Pannella (NI) , Marco Cappato (NI) , Benedetto Della Vedova (NI) , Gianfranco Dell'Alba (NI) e Olivier Dupuis (NI) alla Commissione

 Oggetto: Violazione della libertà religiosa in Cina nei confronti dei Falun Gong
 Risposta(e) 

Premesso che da un lancio dell'agenzia nazionale cinese Xinhua si apprende che il governo di Pechino ha in animo di continuare a perseguire la lotta contro il Movimento Falun Gong, organizzazione definita un "culto malefico", "antisociale" e "antiscientifico". Nel comunicato si legge: "Siamo consapevoli che la battaglia sarà lunga, ardua e complicata. Per questo bisogna essere sempre vigili e non risparmiarci in questo impegno";

Considerato che i risultati di questo tipo di impegno - assunto e rinnovato in questo modo dal governo di Pechino - sono: 1600 aderenti al movimento Falun Gong torturati e picchiati a morte; 500 condannati a scontare oltre venti anni di prigione; un migliaio internati in istituti psichiatrici; 25mila rinchiusi nei campi di lavoro a seguire programmi di 'rieducazione'; 100mila detenuti senza aver subito alcun processo;

Può la Commissione far sapere se

- è a conoscenza di queste dichiarazioni di intenti ufficiali del Governo di Pechino?

- è a conoscenza del fatto che presso il Tribunale di un paese dell'Unione – il Belgio - è stato depositata, da parte di esponenti del Movimento Falun Gong, una denuncia per "genocidio, tortura e crimini contro l'umanità", a carico dell'ex presidente cinese Jang Zemin, oggi ancora capo dell'esercito, e di due suoi stretti collaboratori?

- se e quali passi ufficiali intende muovere nei confronti del Governo di Pechino, anche alla luce della disposizione - contenuta nel Rapporto Van Den Bos approvato il 5 settembre 2003 dal Parlamento europeo - che invita "il Consiglio, la Commissione e gli Stati membri a fare del rispetto della libertà religiosa una priorità d'azione nelle relazioni dell'UE con i paesi terzi e chiede loro di prevedere, in caso di violazione, sanzioni simili a quelle previste sin dal 1998 dalla Legge degli Stati Uniti d'America sulla libertà religiosa nel mondo (International Religious Freedom Act of 1998, Public Law 105 - 292/105th Congress)"?

 GU C 65 E del 13/03/2004 (pag. 216)
Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2004Avviso legale