Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
22 ottobre 2003
E-3115/03
INTERROGAZIONE SCRITTA di Maurizio Turco (NI) alla Commissione

 Oggetto:  Diffusione di notizie scientifiche false sull'efficacia dei preservativi nella lotta all'AIDS da parte di responsabili della Chiesa Cattolica alias Santa Sede alias Stato Città del Vaticano
 Risposta(e) 

Premesso che:

il 10 ottobre 203 sul quotidiano britannico Guardian è apparso un articolo dal titolo "We have faith in condoms" secondo il quale i responsabili della Chiesa Cattolica alias Santa Sede alias Stato Città del Vaticano sconsigliano l'uso del preservativo come metodo di prevenzione dall'AIDS sostenendo che il virus dell'HIV passa attraverso le fitte maglie di lattice dei profilattici, rendendo inutile la protezione;
in detto articolo si preannuncia che il programma della BBC Panorama, in onda domenica, diffonderà una intervista al Cardinale Alfonso Lopez Trujillo, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, che ha dichiarato ai giornalisti inglesi: "Il virus dell'AIDS è circa 450 volte più piccolo dello spermatozoo, e quindi può passare facilmente tra le maglie della rete formata dal condom. Questo margine di insicurezza dovrebbe obbligare i ministeri della sanità e tutte le organizzazioni che ne consigliano l'uso, a trattare il problema come si fa per le sigarette, dove si dichiara che sono un pericolo";
l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato in risposta a queste affermazioni "Queste errate affermazioni sui profilattici e il virus HIV sono molto pericolose, in un momento nel quale stiamo affrontando una epidemia globale che ha già ucciso oltre 20 milioni di persone e vede gli infettati attualmente a quota 42 milioni";
la campagna anti-profilattici della Chiesa Cattolica alias Santa Sede alias Stato Città del Vaticano ha luogo soprattutto nelle nazioni del terzo mondo massacrate dall'AIDS dove ha un non indifferente potere nella distribuzione di medicine e materiale sanitario e dove rischia di avere effetti catastrofici;

Considerati altresì rapporti istituzionali e diplomatici che l'Unione europea ha con la Santa Sede;

Potrebbe la Commissione far sapere:

se ritiene che le affermazioni dei responsabili della Chiesa Cattolica alias Santa Sede alias Stato Città del Vaticano in merito ai preservativi siano corrette sulla base delle informazioni scientifiche di cui dispone?
quali iniziative conoscitive, preventive e sanzionatorie nonché diplomatiche intende prromuovere in in risposta a tali affermazioni e per contrastare la campagna irresponsabile della Chiesa Cattolica alias Santa Sede alias Stato Città del Vaticano, che rischia di vanificare le politiche europee ed internazionali di contrasto della diffusione dell'AIDS, delle morti correlate, e delle altre malattie sessualmente trasmissibili, in Europa come nel mondo?
se ritiene che sia urgente rivedere l'articolo 51 del progetto di Costituzione europea, al fine di evitare che "riconoscendone l'identità e il contributo specifico" si finisca per dover accettare per "scientifiche" affermazioni dettate dal pregiudizio?

 GU C 84 E del 03/04/2004 (pag. 50)
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2005Avviso legale