Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
22 novembre 2005
E-4353/05
INTERROGAZIONE SCRITTA di Bart Staes (Verts/ALE) , Margrete Auken (Verts/ALE) , Marie Isler Béguin (Verts/ALE) , Sepp Kusstatscher (Verts/ALE) , Paulo Casaca (PSE) , Dorette Corbey (PSE) , Robert Evans (PSE) , Wolfgang Kreissl-Dörfler (PSE) , Karin Scheele (PSE) , Caroline Jackson (PPE-DE) , Péter Olajos (PPE-DE) , Neil Parish (PPE-DE) , John Bowis (PPE-DE) e Jonas Sjöstedt (GUE/NGL) alla Commissione

 Oggetto:  Evoluzione demografica e azioni di conservazione della Streptopelia turtur e della Coturnix coturnix nell'Unione europea ed a Malta
 Risposta(e) 

Secondo «Birds in Europe: population estimates, trends and conservation status» («Uccelli in Europa: stime demografiche, tendenze e stato di conservazione», Cambridge, Regno Unito, BirdLife International, 2004), il numero di tortore in Europa è in continua diminuzione e quello di quaglie è assai ridotto. I dati relativi a Malta indicano che, se non proprio in via di estinzione, le popolazioni nidificanti delle due specie sono in grande diminuzione nonostante entrambe siano naturalmente portate a nidificare sulle isole maltesi. L'attuale legislazione maltese consente la caccia alle tortora ed alle quaglie dal 1º settembre al 31 gennaio e dal 25 marzo al 22 maggio.

Ai sensi dell'articolo 7, paragrafo 1, della direttiva Uccelli dell'UE (79/409/CEE(1)), gli Stati membri devono garantire che la caccia alle specie elencate nell'Allegato II non pregiudichi le azioni di conservazione intraprese nella loro area di distribuzione.

Ai sensi dell'articolo 13 della medesima direttiva, l'applicazione delle misure adottate in virtù della direttiva non deve provocare un deterioramento della situazione attuale per quanto riguarda la conservazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio degli Stati membri dell'UE.

1. È la Commissione a conoscenza del fatto che la popolazione di tortore e quaglie è in diminuzione sia in Europa sia a Malta ed intende riconoscere tale tendenza? In caso affermativo, intende consentire che tali specie siano ancora cacciate a Malta al di fuori del periodo consentito e come intende giustificare la propria decisione?

2. Riconosce la Commissione che il fatto di consentire la caccia primaverile delle tortore e delle quaglie a Malta contravvenga ai summenzionati articoli 7, paragrafo 1 e 13? Riconosce inoltre la Commissione che il fatto di consentire la caccia primaverile di tali specie a Malta impedisce loro di nidificare con regolarità nelle isole maltesi e contribuire così al rafforzamento delle rispettive popolazioni in diminuzione?

(1)GU L 103 del 25.4.1979, pag. 1.

Lingua originale dell'interrogazione: ENGU C 327 del 30/12/2006
Ultimo aggiornamento: 16 dicembre 2005Avviso legale