Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/2932(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B7-0005/2014

Testi presentati :

B7-0005/2014

Discussioni :

PV 15/01/2014 - 19
CRE 15/01/2014 - 19

Votazioni :

PV 16/01/2014 - 8.9

Testi approvati :

P7_TA(2014)0041

Testi approvati
PDF 107kWORD 39k
Giovedì 16 gennaio 2014 - Strasburgo Edizione definitiva
Relazione 2012 sui progressi compiuti dall'Islanda e prospettive post-elettorali
P7_TA(2014)0041B7-0005/2014

Risoluzione del Parlamento europeo del 16 gennaio 2014 sulla relazione concernente i progressi compiuti dall'Islanda nel 2012 e sulle prospettive post-elettorali (2013/2932(RSP))

Il Parlamento europeo,

–  visto il trattato sull'Unione europea,

–  vista la decisione di avviare i negoziati di adesione con l'Islanda, adottata dal Consiglio europeo il 17 giugno 2010,

–  visti i risultati della Conferenza di adesione con l'Islanda,

–  viste la comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio dal titolo "Strategia di allargamento e sfide principali per il periodo 2012-2013" (COM(2012)0600) e la relazione sui progressi compiuti dall'Islanda nel 2012 che la accompagna, approvata il 10 ottobre 2012,

–  viste le sue precedenti risoluzioni sull'Islanda, in particolare quelle del 7 luglio 2010 sulla domanda di adesione dell'Islanda all'Unione europea(1) , del 7 aprile 2011 sulla relazione concernente i progressi compiuti dall'Islanda nel 2010(2) e del 14 marzo 2012 sulla relazione concernente i progressi compiuti dall'Islanda nel 2011(3) ,

–  visti l'accordo del 14 gennaio 2013 relativo alla gestione dei negoziati di adesione all'Unione europea nella fase che precede le elezioni parlamentari e la piattaforma governativa adottata il 22 maggio 2013 dal partito progressista e dal partito per l'indipendenza,

–  viste le dichiarazioni rilasciate il 13 giugno 2013 dal ministro islandese per gli Affari esteri, Gunnar Bragi Sveinsson, e dal commissario per l'allargamento e la politica di vicinato, Štefan Füle,

–  visto l'articolo 110, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che l'Islanda soddisfa i criteri di Copenaghen e che i negoziati di adesione con l'Islanda sono stati avviati il 27 luglio 2010, previa approvazione del Consiglio,

B.  considerando che 27 capitoli sono stati aperti al negoziato, 11 dei quali sono stati temporaneamente chiusi;

C.  considerando che il neoeletto governo islandese ha sospeso il processo di adesione e che è attualmente in corso una valutazione dei negoziati di adesione e degli sviluppi all'interno dell'Unione europea in vista di un dibattito in seno all'Althingi in merito a tali questioni;

D.  considerando che il governo islandese ha dichiarato che i negoziati di adesione non saranno portati avanti senza che si sia prima tenuto un referendum popolare nazionale;

1.  osserva che, in conformità dell'articolo 49 del trattato sull'Unione europea e facendo seguito alla votazione favorevole in seno all'Althingi, il governo islandese ha presentato la domanda di adesione all'Unione europea il 17 luglio 2009;

2.  accoglie con favore la prospettiva di avere come nuovo Stato membro un paese con una tradizione democratica ben funzionante, nonché istituzioni forti e una solida società civile;

3.  rileva che l'Islanda ha una buona capacità generale di assumere gli obblighi che comporta l'adesione, in particolare in virtù della sua partecipazione allo Spazio economico europeo;

4.  sottolinea lo svolgimento trasparente e inclusivo dei negoziati di adesione e plaude all'apertura dei 27 capitoli negoziali nonché alla chiusura temporanea di 11 di essi, a riprova dei buoni progressi compiuti nell'ambito del processo di adesione;

5.  ribadisce il pieno impegno dell'Unione europea a proseguire e concludere il processo negoziale di adesione;

6.  osserva che secondo i recenti sondaggi d'opinione la maggioranza degli islandesi desidera che i negoziati di adesione siano portati a termine;

7.  rileva che l'Islanda è ancora classificata come paese candidato;

8.  prende atto della decisione del governo islandese di non attendere la conclusione dei negoziati di adesione prima di indire un referendum; attende con interesse il dibattito parlamentare sulla valutazione dei negoziati di adesione e degli sviluppi all'interno dell'Unione europea nonché la relativa revisione dell'Althingi; offre assistenza nell'elaborazione di tale valutazione; auspica che tale valutazione possa essere conclusa in tempo utile e attende ulteriori decisioni sulla via da seguire, compresa una decisione in merito all'eventuale svolgimento di un referendum sul proseguimento dei negoziati di adesione;

9.  si augura che il referendum sia organizzato in un arco di tempo prevedibile;

10.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri, al Presidente dell'Althingi nonché al governo dell'Islanda.

(1) GU C 351 E del 2.12.2011, pag. 73.
(2) GU C 296 E del 2.10.2012, pag. 89.
(3) GU C 251 E del 31.8.2013, pag. 61.

Ultimo aggiornamento: 30 maggio 2017Avviso legale