Bollettino della sessione
 

Bollettino della sessione del 9-12 settembre 2013, Strasburgo

05-09-2013 - 18:41
Condividi
Il Presidente della Commissione, José Manuel Barroso, terrà il suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione prima delle elezioni europee del prossimo anno, illustrando al Parlamento mercoledì alle 9.00 i suoi progetti principali per i mesi a venire.
In vista delle prossime elezioni europee del 2014, il Parlamento europeo lancerà ufficialmente il 10 settembre la sua campagna di sensibilizzazione e informazione. La campagna si svolgerà in quattro fasi e sarà operativa dopo le elezioni, fino all'elezione del Presidente della Commissione europea da parte del nuovo Parlamento.
Nuove norme per limitare la produzione di biocarburanti tradizionali e accelerare il passaggio a una nuova generazione di prodotti ricavati da altre fonti, come alghe e alcuni tipi di rifiuti, saranno discusse martedì per poi essere votate mercoledì. Queste misure mirano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra dovute al crescente utilizzo dei terreni agricoli per la produzione di colture di biocarburanti.
I deputati europei decideranno martedì se approvare o meno il sistema UE di supervisione bancaria, che avrebbe l'effetto di portare circa 150 delle più grandi banche europee sotto il diretto controllo della Banca centrale europea.
I deputati nel dibattito di mercoledì con il responsabile della politica estera europea, Catherine Ashton, dovrebbero chiedere una soluzione politica negoziata per la Siria, nonostante la possibilità di un'azione militare dopo l'utilizzo di armi chimiche. Oltre due milioni di profughi siriani sono fuggiti dal Paese. L'Aula voterà giovedì una risoluzione sulla Siria.
La plenaria discuterà mercoledì l'attuale situazione di stallo in Egitto con il responsabile della politica estera europea, Catherine Ashton, a seguito delle misure restrittive decise dalle autorità nei confronti dei Fratelli musulmani e delle accuse mosse all'ex Presidente Mohamed Morsi e ad altri leader della formazione politica. Una risoluzione sull'Egitto sarà votata giovedì.
Gli acquirenti di case in tutta l'UE avrebbero diritto a ricevere maggiori informazioni sui costi e i rischi legati all'assunzione di un mutuo, sarebbero in parte difesi contro le oscillazioni di mercato che gonfiano le rate e meglio protetti in caso di mancato rimborso del prestito, se il Parlamento approverà mercoledì nuove norme in materia.
La vigente direttiva sulla valutazione d'impatto ambientale è in fase di aggiornamento e la commissione per l'ambiente propone di estenderla a progetti di estrazione di gas di scisto.
I piani per introdurre un quadro europeo di qualità per i tirocini e le misure per promuovere la mobilità e l'occupazione giovanile saranno discussi martedì e votati mercoledì.
Il Parlamento dovrebbe reiterare la sua richiesta per una strategia macroregionale per la pesca nel mare Adriatico e nello Ionio al fine di promuovere lo sviluppo economico e l'integrazione europea in quella zona, secondo un progetto di risoluzione non legislativa in votazione martedì.
RIF.: 20130902NEW18462

Ultimo discorso sullo stato dell'Unione di Barroso prima delle elezioni

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguente
 

Il Presidente della Commissione, José Manuel Barroso, terrà il suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione prima delle elezioni europee del prossimo anno, illustrando al Parlamento mercoledì alle 9.00 i suoi progetti principali per i mesi a venire.

Dibattito: mercoledì 11 settembre
Procedura: dichiarazione del Presidente della Commissione europea
Hashtag: #SOTEU

 

Per ulteriori informazioni :

Inizio paginaSeguente

Campagna d'informazione per le elezioni europee

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

In vista delle prossime elezioni europee del 2014, il Parlamento europeo lancerà ufficialmente il 10 settembre la sua campagna di sensibilizzazione e informazione. La campagna si svolgerà in quattro fasi e sarà operativa dopo le elezioni, fino all'elezione del Presidente della Commissione europea da parte del nuovo Parlamento.

I vicepresidenti Podimata (S&D, EL) e Karas (PPE, AT) terranno una conferenza stampa martedì alle 11.30 per informare i media sui dettagli della campagna.

Le quattro fasi della campagna sono: apertura, fase di tematica, campagna elettorale ed elezioni e inaugurazione della nuova Commissione.

Poiché la maggior parte della legislazione è ormai decisa a livello europeo, il Parlamento europeo ha gli stessi poteri di qualsiasi parlamento nazionale. Da qui, l'importanza per gli elettori di conoscere quali decisioni sono prese e come essi possono influire su tali decisioni.


Conferenza stampa: martedì 10 settembre alle 11.30
Hashtag: #EP2014 #EU2014

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Verso una nuova generazione di biocarburanti più puliti

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

Nuove norme per limitare la produzione di biocarburanti tradizionali e accelerare il passaggio a una nuova generazione di prodotti ricavati da altre fonti, come alghe e alcuni tipi di rifiuti, saranno discusse martedì per poi essere votate mercoledì. Queste misure mirano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra dovute al crescente utilizzo dei terreni agricoli per la produzione di colture di biocarburanti.

In una relazione redatta da Corinne Lepage (ALDE, FR) entro il 2020, la quota dei biocarburanti di prima generazione prodotti a partire da colture non dovrebbe superare il 5,5 % dell'energia utilizzata nei trasporti e i biocarburanti di seconda generazione dovrebbero contribuire almeno per il 2%.

Nel progetto legislativo, inoltre, si chiede che siano prese in considerazione le emissioni di gas a effetto serra dovute al crescente utilizzo dei terreni agricoli per la produzione di biocarburanti piuttosto che per colture alimentari. Questo cambiamento indiretto dell'utilizzo dei terreni (ILUC) potrebbe, infatti, annullare parte dei benefici ambientali derivati dall'uso dei biocarburanti.

La commissione per l'energia, che ha contribuito al progetto di relazione, sostiene un tetto massimo del 6,5% per i biocarburanti di prima generazione, ed è contraria all'inclusione dell'ILUC nel testo.


Dibattito: lunedì 9 settembre
Votazione: mercoledì 11 settembre
Procedura: codecisione (procedura legislativa ordinaria), prima lettura
Conferenza stampa: martedì o mercoledì (da confermare)
Hashtag: #Biofuels #ILUC

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Supervisione bancaria in plenaria

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

I deputati europei decideranno martedì se approvare o meno il sistema UE di supervisione bancaria, che avrebbe l'effetto di portare circa 150 delle più grandi banche europee sotto il diretto controllo della Banca centrale europea.

La decisione dipende dall'esito dei negoziati tra la BCE e gli eurodeputati sulle regole su trasparenza e responsabilità democratica che si applicherebbero alla BCE nel suo ruolo di autorità di vigilanza bancaria.

Il nuovo sistema di controllo, una componente essenziale dell'Unione bancaria, comporta il trasferimento di notevoli poteri di vigilanza bancaria dal livello nazionale a quello comunitario.

Deputati e vari parlamenti nazionali hanno a lungo insistito che questo trasferimento di competenze richiede un altrettanto forte sistema di controllo democratico. Hanno inoltre sottolineato la necessità di sviluppare una cultura più uniforme di vigilanza bancaria, in modo da evitare approcci troppo divergenti.


Votazione: martedì 10 Settembre
Procedura: codecisione e consultazione
Hashtag: #SSM

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Siria: i deputati chiedono una soluzione politica negoziata

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

I deputati nel dibattito di mercoledì con il responsabile della politica estera europea, Catherine Ashton, dovrebbero chiedere una soluzione politica negoziata per la Siria, nonostante la possibilità di un'azione militare dopo l'utilizzo di armi chimiche. Oltre due milioni di profughi siriani sono fuggiti dal Paese. L'Aula voterà giovedì una risoluzione sulla Siria.

Il dibattito in plenaria segue la riunione straordinaria della commissione affari esteri tenutasi il 28 agosto scorso.



Dibattito: mercoledì 11 settembre
Votazione: giovedì 12 settembre
Procedura: Dichiarazione dell'Alto rappresentante per la politica estera/vicepresidente della Commissione
Hashtag: #Syria

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

I deputati discuteranno la situazione in Egitto

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

La plenaria discuterà mercoledì l'attuale situazione di stallo in Egitto con il responsabile della politica estera europea, Catherine Ashton, a seguito delle misure restrittive decise dalle autorità nei confronti dei Fratelli musulmani e delle accuse mosse all'ex Presidente Mohamed Morsi e ad altri leader della formazione politica. Una risoluzione sull'Egitto sarà votata giovedì.

Il dibattito in plenaria segue la riunione straordinaria della commissione affari esteri tenutasi il 28 agosto scorso.


Dibattito: mercoledì 11 settembre
Votazione: giovedì 12 settembre
Procedura: Dichiarazione dell'Alto rappresentante per la politica estera/vicepresidente della Commissione
Hashtag: #Egypt

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Nuove regole UE sui rischi relativi ai mutui per chi acquista casa

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

Gli acquirenti di case in tutta l'UE avrebbero diritto a ricevere maggiori informazioni sui costi e i rischi legati all'assunzione di un mutuo, sarebbero in parte difesi contro le oscillazioni di mercato che gonfiano le rate e meglio protetti in caso di mancato rimborso del prestito, se il Parlamento approverà mercoledì nuove norme in materia.

La legislazione, se approvata, copre le ipoteche su immobili residenziali, immobili residenziali che comprendono uno spazio ufficio e terreni edificabili.



Dibattito: martedì 10 settembre
Votazione: martedì 10 settembre
Procedura: codecisione (procedura legislativa ordinaria), prima lettura

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Gas di scisto: studio d'impatto ambientale prima di qualsiasi nuova estrazione

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

La vigente direttiva sulla valutazione d'impatto ambientale è in fase di aggiornamento e la commissione per l'ambiente propone di estenderla a progetti di estrazione di gas di scisto.

La commissione propone inoltre di intensificare la partecipazione del pubblico alle valutazioni d'impatto ambientale, stabilire regole chiare per la risoluzione dei conflitti d'interesse tra le autorità competenti e i committenti e rinforzare i controlli sui progetti che hanno effetti negativi per l'ambiente. La direttiva sull'impatto ambientale definisce i criteri per la raccolta delle informazioni necessarie prima che un progetto pubblico o privato sia autorizzato.


Votazione: mercoledì 11 settembre
Procedura: codecisione (procedura legislativa ordinaria), prima lettura
Hashtag: #EIA, #Shalegas, #Fracking

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Mobilitare l'UE per combattere la disoccupazione giovanile

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaSeguentePrecedente
 

I piani per introdurre un quadro europeo di qualità per i tirocini e le misure per promuovere la mobilità e l'occupazione giovanile saranno discussi martedì e votati mercoledì.

Il progetto di risoluzione chiede agli Stati membri di adeguare i propri sistemi d'insegnamento alle esigenze del mercato del lavoro ed eliminare tutte le barriere esistenti per poter offrire ai giovani le migliori possibilità di tirocini transnazionali.

Per prevenire lo sfruttamento dei giovani tirocinanti, i deputati della commissione per l'occupazione chiedono alla Commissione di proporre un quadro di qualità europeo per i tirocini, che includa i criteri d'indennizzo, le condizioni e le norme sanitarie e di sicurezza sul lavoro.


Dibattito: martedì 10 settembre
Votazione: mercoledì 11 settembre
Procedura: risoluzione non legislativa
Hashtag: #Youth #Unemployment

 
Inizio paginaSeguentePrecedente

Una strategia per la pesca nell'Adriatico e nello Ionio

05-09-2013 - 18:41
Inizio paginaPrecedente
 

Il Parlamento dovrebbe reiterare la sua richiesta per una strategia macroregionale per la pesca nel mare Adriatico e nello Ionio al fine di promuovere lo sviluppo economico e l'integrazione europea in quella zona, secondo un progetto di risoluzione non legislativa in votazione martedì.

Sviluppo sostenibile del settore della pesca e dell'acquacoltura, sostegno all'occupazione e protezione dell'ambiente dovrebbero essere le linee direttrici di una strategia per la pesca nell'Adriatico e nello Ionio, secondo il progetto di risoluzione preparato dal deputato italiano Guido Milana (S&D).

La risoluzione rappresenta la risposta del Parlamento a una comunicazione della Commissione del dicembre 2012 sulla necessità di una più intensa cooperazione tra i paesi e le regioni che si affacciano sul mare Adriatico e sul mar Ionio.


Dibattito: lunedì 9 settembre
Votazione: martedì 10 settembre
Procedura: risoluzione non legislativa

 
Inizio paginaPrecedente