L'ENISA e il nuovo regolamento UE sulla cibersicurezza

06-03-2019

La Commissione europea ha proposto di migliorare la resilienza e la risposta dell'UE agli attacchi informatici, tramite un mandato permanente e un ruolo rafforzato per l'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA), l'agenzia dell'UE per la cibersicurezza. La Commissione prevede, inoltre, la creazione del primo quadro di certificazione della cibersicurezza a livello dell'UE per i prodotti e i servizi TIC, nel cui ambito l'ENISA svolgerà un ruolo importante. La commissione per l'industria, la ricerca e l'energia (ITRE) del Parlamento europeo ha approvato la sua relazione il 10 luglio 2018, nonché un mandato per avviare negoziati interistituzionali. Il Consiglio ha approvato il relativo mandato l'8 giugno 2018. Nel corso del quinto trilogo del 10 dicembre 2018 è stato raggiunto un accordo, che dovrebbe essere votato dal Parlamento in Aula a marzo.

La Commissione europea ha proposto di migliorare la resilienza e la risposta dell'UE agli attacchi informatici, tramite un mandato permanente e un ruolo rafforzato per l'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA), l'agenzia dell'UE per la cibersicurezza. La Commissione prevede, inoltre, la creazione del primo quadro di certificazione della cibersicurezza a livello dell'UE per i prodotti e i servizi TIC, nel cui ambito l'ENISA svolgerà un ruolo importante. La commissione per l'industria, la ricerca e l'energia (ITRE) del Parlamento europeo ha approvato la sua relazione il 10 luglio 2018, nonché un mandato per avviare negoziati interistituzionali. Il Consiglio ha approvato il relativo mandato l'8 giugno 2018. Nel corso del quinto trilogo del 10 dicembre 2018 è stato raggiunto un accordo, che dovrebbe essere votato dal Parlamento in Aula a marzo.