Come far aumentare l'uso di carburanti alternativi per le auto

Scoprite quali sono i carburanti alternativi per le auto e le misure dell'UE per aumentarne l'uso al fine di ridurre le emissioni di carbonio.

All'interno dell'Unione Europea, il trasporto su strada rappresenta circa un quinto delle emissioni di carbonio. Per tale motivo, l'UE sta cercando di ridurre il proprio impatto sul clima promuovendo l'uso di combustibili rinnovabili e a basse emissioni di carbonio.

Scoprite altri fatti e cifre sulle emissioni di CO2 delle automobili

Quali sono i diversi tipi di combustibili alternativi?

I combustibili alternativi sono combustibili o fonti di energia utilizzati per sostituire i combustibili fossili nei trasporti, con l'obiettivo di contribuire alla decarbonizzazione del settore.

Combustibili alternativi per veicoli a zero emissioni

I combustibili alternativi per i veicoli a emissioni zero includono elettricità, idrogeno e ammoniaca.

  • L'elettricità per le auto proviene da diverse fonti: centrali elettriche che bruciano combustibili fossili, fonti di energia rinnovabile e centrali nucleari. I veicoli elettrici non emettono gas inquinanti, mentre le configurazioni ibride richiedono meno olio e riducono le emissioni di CO2.
  • L'idrogeno, spesso utilizzato nei veicoli stradali pesanti e ancora nella sua infanzia, viene estratto dall'acqua o dai composti organici. L'impatto ambientale e l'efficienza energetica dell'idrogeno dipendono da come viene prodotto, cioè attraverso fonti rinnovabili come solare, eolico o biogas, o utilizzando combustibili fossili.
  • L'ammoniaca può contribuire a una sostanziale riduzione delle emissioni totali di CO2, poiché i suoi unici sottoprodotti sono acqua e azoto.

Scoprite i vantaggi dell'idrogeno rinnovabile per l'Europa

Combustibili rinnovabili

I combustibili rinnovabili includono combustibili da biomassa e biocombustibili, combustibili sintetici e paraffinici, inclusa l'ammoniaca (menzionata sopra), prodotti da energie rinnovabili.

  • I biocarburanti sono combustibili biodegradabili, prodotti nel paese da oli vegetali, grassi animali o grasso riciclato per ristoranti. Attualmente sono uno dei tipi più importanti di combustibili alternativi, rappresentando il 4,4% del consumo di carburante nei trasporti dell'UE. Possono contribuire a una sostanziale riduzione delle emissioni globali di CO2, se prodotte in modo sostenibile. Tuttavia, esiste il rischio che utilizzino terreni che altrimenti sarebbero stati utilizzati per altri scopi, come cibo o produzione agricola.

Combustibili a basse emissioni di carbonio a base di gas naturale

Esistono altri combustibili che potrebbero aiutare a ridurre le emissioni sulla strada per raggiungere zero emissioni dai trasporti. Tra questi ci sono:

  • Il gas di petrolio liquefatto (GPL) è prodotto da petrolio e gas naturale e, in futuro, anche da biomassa. Emette il 35% in meno di CO2 rispetto al carbone, il 12% in meno di CO2 rispetto al petrolio e non emette particelle fini pericolose. In alcuni paesi esiste un'infrastruttura consolidata per il GPL per autoveicoli, nota anche come autogas, ma man mano che le normative diventano più severe, il GPL non sarà in grado di fornire le forti riduzioni delle emissioni necessarie.
  • Il gas naturale compresso (CNG) è prodotto dalla compressione del gas naturale (solitamente metano).
  • Il gas naturale liquefatto (GNL) viene prodotto purificando il gas naturale (solitamente metano) e raffreddandolo per trasformarlo in un liquido. Non ha un potenziale significativo per ridurre le emissioni, motivo per cui i deputati non ne supportano l'uso nel trasporto su strada.
  • I combustibili sintetici e paraffinici sono prodotti utilizzando biomassa o gas naturale, nonché oli vegetali o grassi animali.
Infografica che mostra che il 5% dei 270 milioni di auto e furgoni nell'UE utilizza combustibili alternativi
Nell'UE ci sono 270 milioni di auto e furgoni

Quanti veicoli a carburante alternativo ci sono in Europa?


Circa il 5% delle auto e dei furgoni in circolazione oggi nell'UE utilizza combustibili alternativi. Il numero di veicoli elettrici nell'UE è aumentato a oltre 4,4 milioni nel 2022, 16 volte di più rispetto al 2015. Nel 2022, delle 43.045.006 auto in Italia, 3,911,879 utilizzavano combustibili alternativi. Di queste, 144.000 erano elettriche e 133.327 ibride.

Il passaggio a veicoli a emissioni zero deve essere accompagnato da una vasta infrastruttura di stazioni di ricarica e rifornimento. Attualmente ci sono circa 360.000 punti di ricarica accessibili al pubblico nell'UE, ma la maggior parte è concentrata in alcuni paesi (Paesi Bassi, Germania, Francia, Italia e Svezia).

L'UE vanta già più di 360.000 punti di ricarica
L'UE vanta già più di 360.000 punti di ricarica

In che modo l'UE vuole aumentare l'uso di combustibili sostenibili?

L'UE sta adottando misure per incoraggiare l'adozione di combustibili alternativi, a causa dell'aumento dei prezzi dei combustibili e in linea con gli obiettivi climatici dell'UE di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030.

Maggiori informazioni sulle misure dell'UE per ridurre le emissioni di CO2.

Aumento del numero di stazioni di ricarica e rifornimento

 

A marzo 2023, Parlamento e Consiglio hanno concordato gli obiettivi nazionali obbligatori per lo sviluppo delle infrastrutture per carburanti alternativi  per auto e camion. Nel corso della plenaria di luglio 2023 il Parlamento ha approvato le norme.

Nel corso dei negoziati, gli eurodeputati hanno richiesto un maggior numero di stazioni di ricarica lungo le principali strade dell'UE e hanno garantito che entro il 2026 ci saranno punti di ricarica elettrica per veicoli con una potenza di almeno 400 kW ogni 60 chilometri, aumentando a 600 kW entro il 2028. Entro il 2028, si prevede la presenza di stazioni di ricarica ogni 120 chilometri lungo le principali reti di trasporto trans-europee (RTE-T) per camion e autobus, con una potenza compresa tra 1.400 kW e 2.800 kW a seconda della tratta. Entro la fine del 2030, ogni area di parcheggio sicura e protetta per i veicoli pesanti dovrà disporre di almeno una stazione di ricarica con una potenza di 100 kW.

Entro il 2031, lungo le principali arterie stradali ci sarà una stazione di rifornimento a idrogeno almeno ogni 200 chilometri. Per mettere le cose in prospettiva, nel 2021 esistevano solo 136 punti di rifornimento di idrogeno in tutta l'Unione Europea.

Le normative aggiornate prevedono anche l'introduzione di metodi di ricarica e pagamento più semplici. I deputati hanno insistito affinché, entro il 2027, la Commissione crei un database dell'UE che raccolga informazioni relative ai carburanti alternativi. Questo strumento avrà lo scopo di informare i consumatori sulla disponibilità delle diverse tipologie di carburante, sui tempi di attesa per il rifornimento e sui prezzi praticati nelle varie stazioni.

La direttiva sulle infrastrutture per i combustibili alternativi comprende anche disposizioni per i settori marittimo e dell'aviazione. Scopri come contribuiranno a ridurre le emissioni di aerei e navi.

Guardate il nostro video per scoprire di più sulle strategie previste dall'UE per promuovere l'uso dei carburanti alternativi nel suo sistema infrastrutturale stradale.

Promozione della vendita di veicoli puliti


Il piano di ripresa dell'UE dalla pandemia di Covid-19, NextGenerationEU, include 20 miliardi di euro che possono essere utilizzati per aumentare le vendite di veicoli puliti.

L'UE sta inoltre fissando limiti di emissione di CO2 più severi per le auto nuove in modo tale da incoraggiare l'uso di carburanti sostenibili. Nel 2035 tutte le nuove auto dovrebbero essere a zero emissioni.

Il numero di veicoli elettrici nell'UE è salito a oltre 4,4 milioni nel 2022, 16 volte di più rispetto al 2015
Il numero di veicoli elettrici nell'UE è in rapido aumento