Please fill this field
Dario TAMBURRANO Dario TAMBURRANO
Dario TAMBURRANO
Italia

Data di nascita : , Roma

8ª legislatura Dario TAMBURRANO

Gruppi politici

  • 01-07-2014 / 15-10-2014 : Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta - Membro
  • 16-10-2014 / 19-10-2014 : Non iscritti
  • 20-10-2014 / 01-07-2019 : Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta - Membro

Partiti nazionali

  • 01-07-2014 / 01-07-2019 : Movimento 5 Stelle (Italia)

Deputati

  • 01-07-2014 / 18-01-2017 : Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia
  • 14-07-2014 / 01-07-2019 : Delegazione alla commissione di cooperazione parlamentare UE-Russia
  • 19-01-2017 / 01-07-2019 : Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

Membro sostituto

  • 01-07-2014 / 30-06-2016 : Commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale
  • 14-07-2014 / 01-07-2019 : Delegazione alla commissione parlamentare di associazione UE-Ucraina
  • 14-07-2014 / 01-07-2019 : Delegazione all'Assemblea parlamentare Euronest
  • 01-07-2016 / 18-01-2017 : Commissione per lo sviluppo
  • 19-01-2017 / 01-07-2019 : Commissione per i trasporti e il turismo

Attività parlamentari principali

Contributi alle discussioni in Aula

Discorsi pronunciati durante le sedute plenarie e dichiarazioni scritte relative alle discussioni in Aula. Articolo 204 e articolo 171, paragrafo 11, del regolamento

Relazioni in quanto relatore

In seno alla commissione parlamentare competente viene nominato un relatore incaricato di elaborare un progetto di relazione su proposte legislative o di bilancio o su altre questioni. Nel redigere la relazione, i relatori possono avvalersi della consulenza dei pertinenti esperti o soggetti interessati. I relatori sono inoltre responsabili di elaborare gli emendamenti di compromesso e di condurre i negoziati con i relatori ombra. Le relazioni approvate in commissione sono quindi esaminate e votate in Aula. Articolo 55 del regolamento

Pareri in quanto relatore

Le commissioni possono elaborare un parere sulla relazione della commissione competente in cui trattano aspetti rientranti nelle proprie attribuzioni. I relatori per parere sono inoltre responsabili di elaborare gli emendamenti di compromesso e di condurre i negoziati con i relatori per parere ombra. Articoli 56 e 57 e allegato VI del regolamento

PARERE su un'agenda europea per l'economia collaborativa

24-03-2017 ITRE_AD(2017)595661 PE595.661v02-00 ITRE
Dario TAMBURRANO

Pareri in quanto relatore ombra

I gruppi politici possono nominare, per ogni parere, un relatore ombra per seguire i progressi e negoziare testi di compromesso con il relatore. Articolo 215 del regolamento

PARERE sulla guida autonoma nei trasporti europei

21-11-2018 ITRE_AD(2018)623925 PE623.925v03-00 ITRE
Hans-Olaf HENKEL

PARERE sulla blockchain: una politica commerciale lungimirante

08-11-2018 ITRE_AD(2018)623833 PE623.833v02-00 ITRE
Cristian-Silviu BUŞOI

PARERE sull'istruzione nell'era digitale: sfide, opportunità e insegnamenti da trarre per la definizione delle politiche dell'Unione europea

10-10-2018 ITRE_AD(2018)623921 PE623.921v02-00 ITRE
Tamás DEUTSCH

Proposte di risoluzione

Le proposte di risoluzione vertono su tematiche di attualità e possono essere presentate su richiesta di una commissione, di un gruppo politico o di almeno il 5 % dei membri che compongono il Parlamento. Esse sono poste in votazione in Aula. Articoli 132, 136, 139 e 144 del regolamento

Interrogazioni orali

Una commissione, un gruppo politico o almeno il 5 % dei membri che compongono il Parlamento possono rivolgere interrogazioni con richiesta di risposta orale seguita da discussione alla Commissione europea, al Consiglio o al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 136 del regolamento

Interpellanze principali

Una commissione, un gruppo politico o almeno il 5 % dei membri che compongono il Parlamento possono rivolgere interpellanze principali con richiesta di risposta scritta seguite da discussione alla Commissione europea, al Consiglio o al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 139 e allegato III del regolamento

Altre attività parlamentari

Dichiarazioni di voto scritte

I deputati possono rilasciare una dichiarazione scritta sul proprio voto in Aula. Articolo 194 del regolamento

Norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica (A8-0044/2018 - Jerzy Buzek)

26-03-2019

A livello emendativo e negoziale, le nostre priorità si sono concentrate sul riconoscimento dei diritti di partecipazione dei cittadini nel mercato elettrico e sui diritti contrattuali e la protezione consumatori. Abbiamo prestato particolare attenzione alla democratizzazione del sistema energetico, intervenendo in maniera coerente al fine di introdurre l'aspetto sociale, partecipativo e di solidarietà. Il coinvolgimento attivo di tutti i cittadini è la chiave di volta della transizione verso un'economia efficiente dal punto di vista energetico e basata al 100% sulle rinnovabili.
L'accordo sancisce il diritto dei cittadini di partecipare al sistema energetico tramite l'istituzione di due nuovi attori, i clienti attivi e le citizens energy communities , che garantiscono il diritto dei consumatori di partecipare, individualmente o collettivamente, in maniera non discriminatoria, al mercato elettrico tramite pratiche diverse. Su nostra richiesta, si riconosce anche il diritto delle comunità energetiche di condividere tra i propri membri l'elettricità prodotta dalle unità produttive della comunità anche facendo uso delle tecnologie ICT.
Il compromesso interistituzionale raggiunto migliora gli articoli relativi ai prosumers e, sebbene si registri qualche passo indietro rispetto alle posizioni iniziali del Parlamento sugli articoli legati ai diritti contrattuali, permane un livello di protezione abbastanza spiccato. Per questa ragione votiamo positivamente l'accordo.

Mercato interno dell'energia elettrica (A8-0042/2018 - Jerzy Buzek)

26-03-2019

Il regolamento stabilisce norme direttamente applicabili in tutti gli Stati membri al fine di rendere il mercato dell'energia elettrica più flessibile e meno distorto. I nostri temi prioritari durante i negoziati sono stati la priorità di dispacciamento e i meccanismi di capacità.
I meccanismi di capacità sono delle forme di supporto pubblico che remunerano gli impianti di generazione elettrica affinché siano disponibili a produrre energia in caso vi siano problemi di approvvigionamento dell'elettricità. Questi strumenti si sono trasformati nel tempo in sussidi ingiustificati alle fossili e per questo motivo la Commissione nella sua proposta stabilisce principi applicativi restrittivi a livello UE. Il Parlamento ha bloccato le intenzioni di continuare a sovvenzionare liberamente il carbone fino al 2035 e oltre. L'accordo riesce a garantire la fine dei sussidi per il carbone nell'UE a partire dalla metà del 2025.
Per quanto riguarda la priorità di dispacciamento, il Parlamento è riuscito a mantenerla per le piccole installazioni rinnovabili e per quelle dimostrative, anche se si riducono le soglie di riferimento.
L'accordo implica alcuni passi indietro rispetto alle posizioni iniziali del Parlamento (generalmente più ambiziose), ma limita fortemente i danni rispetto alle posizioni iniziali del Consiglio e per questo motivo abbiamo deciso di supportarlo.

Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (A8-0040/2018 - Morten Helveg Petersen)

26-03-2019

Il regolamento proposto riformula la legislazione che istituisce l'agenzia, adattandola ai cambiamenti nei mercati dell'energia e affrontando la necessità di una cooperazione regionale rafforzata. Assegna all'ACER un ruolo più forte nello sviluppo dei codici di rete e nel coordinamento del processo decisionale regionale. Assegna inoltre una serie di nuovi compiti relativi ai centri operativi regionali da stabilire, la supervisione degli operatori del mercato elettrico designato e la valutazione dell'adeguatezza della generazione e della preparazione al rischio.
Il testo concordato allinea il regolamento ACER agli accordi provvisori sulle altre proposte relativi al mercato dell'energia, ampliando il ruolo dell'ACER nella regolamentazione dei mercati energetici dell'UE. Anche se il Parlamento non ha ottenuto tutto ciò che voleva, il quadro che regola l'ACER sarà migliore di quello esistente. Alcuni aspetti sono piuttosto deludenti, ad esempio, in relazione all'indipendenza del direttore dell'ACER. Ma, nel complesso, il Parlamento europeo è riuscito a resistere ai tentativi di alcuni Stati membri di indebolire l'ACER. Inoltre, grazie all'approccio molto unito del Parlamento, l'ACER acquisirà alcuni importanti poteri aggiuntivi, ad esempio, l'Agenzia sarà in grado di emettere una raccomandazione alle entità paneuropee e regionali sulla possibile violazione della normativa dell'UE. Per questi motivi abbiamo votato a favore.

Interrogazioni scritte

I deputati possono rivolgere un numero definito di interrogazioni con richiesta di risposta scritta al Presidente del Consiglio europeo, al Consiglio, alla Commissione e al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione. Articolo 138 e allegato III del regolamento

Interrogazioni alla BCE e concernenti l'MVU e l'SRM

I deputati possono rivolgere alla BCE interrogazioni con richiesta di risposta scritta e presentare interrogazioni concernenti il meccanismo di vigilanza unico e il meccanismo di risoluzione unico. Tali interrogazioni sono innanzitutto presentate al presidente della commissione competente. Articoli 140 e 141 e allegato III del regolamento

Risposte alle interrogazioni alla BCE e concernenti l'MVU e l'SRM

Risposta alle interrogazioni alla BCE e alle interrogazioni concernenti il meccanismo di vigilanza unico e il meccanismo di risoluzione unico. Articoli 140 e 141 e allegato III del regolamento

Dichiarazioni scritte (fino al 16 gennaio 2017)

**Questo strumento non esiste più dal 16 gennaio 2017** Una dichiarazione scritta era un'iniziativa riguardante un argomento rientrante fra le competenze dell'Unione europea. Poteva essere cofirmata dai deputati entro tre mesi dalla sua pubblicazione.

DICHIARAZIONE SCRITTA sul riesame della realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione

24-10-2016 P8_DCL(2016)0111 Decaduta
Marco VALLI Michèle RIVASI Karima DELLI Tiziana BEGHIN Eleonora EVI Marco ZANNI David BORRELLI Marco AFFRONTE Barbara SPINELLI Laura AGEA Fabio Massimo CASTALDO Dario TAMBURRANO Isabella ADINOLFI Laura FERRARA Rosa D'AMATO Daniela AIUTO Piernicola PEDICINI Ignazio CORRAO Giulia MOI Curzio MALTESE Eleonora FORENZA Marco ZULLO
Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 43 - 25-01-2017

DICHIARAZIONE SCRITTA sull'esigenza di mantenere le relazioni con la Russia in quanto partner strategico dell'UE

12-09-2016 P8_DCL(2016)0064 Decaduta
Mario BORGHEZIO Matteo SALVINI Alessandra MUSSOLINI Aldo PATRICIELLO Lorenzo FONTANA Mara BIZZOTTO Marie-Christine ARNAUTU Mireille D'ORNANO Dominique BILDE Dario TAMBURRANO Stefano MAULLU
Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 29 - 13-12-2016

DICHIARAZIONE SCRITTA sulla naturopatia

11-04-2016 P8_DCL(2016)0036 Decaduta
Piernicola PEDICINI Nedzhmi ALI Zigmantas BALČYTIS Rolandas PAKSAS Takis HADJIGEORGIOU Mara BIZZOTTO Tibor SZANYI Ivan JAKOVČIĆ Eleonora EVI Doru-Claudian FRUNZULICĂ Laurenţiu REBEGA Fabio Massimo CASTALDO Dario TAMBURRANO Rosa D'AMATO Nicola CAPUTO Hugues BAYET Eleftherios SYNADINOS Patricija ŠULIN
Data di apertura : 11-04-2016
Scadenza : 11-07-2016
Numero di firmatari : 52 - 12-07-2016

Dichiarazioni