Please fill this field
Nicola DANTI Nicola DANTI
Nicola DANTI

Gruppo Renew Europe

Membro

Italia - Italia Viva (Italia)

Data di nascita : , Pelago (FI)

Home Nicola DANTI

Membro

ITRE
Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia
DMER
Delegazione per le relazioni con il Mercosur
DLAT
Delegazione all'Assemblea parlamentare euro-latinoamericana

Membro sostituto

INTA
Commissione per il commercio internazionale
TRAN
Commissione per i trasporti e il turismo
D-CN
Delegazione per le relazioni con la Repubblica popolare cinese
DASE
Delegazione per le relazioni con i paesi del Sud-Est asiatico e l'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN)

Ultime attività

Orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione (A9-0124/2020 - José Gusmão)

10-07-2020
Dichiarazioni di voto scritte

Ho votato a favore della risoluzione del Parlamento sulle politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione.
La pandemia di COVID-19 avrà infatti ripercussioni gravi e durature sul mercato del lavoro: sarà quindi necessario un livello d'azione senza precedenti per sostenere l'occupazione, stimolare l'economia e rafforzare il tessuto industriale.
È dunque necessario che gli Stati membri, coordinati dalla Commissione, sviluppino e mettano in atto una strategia efficace e coordinata a favore dell'occupazione, che promuova una forza lavoro qualificata, in grado di muoversi in mercati del lavoro dinamici, orientati al futuro e in grado di rispondere ai mutamenti economici sempre più rapidi. Bisogna lavorare per promuovere un'occupazione di qualità per tutti, avendo come faro gli obiettivi della piena occupazione e di una crescita inclusiva e organica.
Infine, un tema che mi sta a cuore e che si riflette nel testo in votazione, è quello della necessità di investire in maniera decisa nella formazione delle persone, nell'apprendimento costante e continuativo di nuove competenze: solo così sarà possibile accompagnare in maniera inclusiva la transizione verso un'economia verde e digitale.

Una politica integrata dell'Unione in materia di prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo - piano d'azione della Commissione e altri sviluppi recenti (B9-0207/2020)

10-07-2020
Dichiarazioni di voto scritte

Secondo la Commissione europea, circa l’1% del prodotto interno lordo annuo dell’Unione Europea (circa 160 miliardi di euro) viene utilizzato per attività finanziarie sospette, come il riciclaggio di denaro collegato a corruzione, traffico di armi e droga, tratta di esseri umani, attività terroristiche.
Il Parlamento chiede da tempo una revisione complessiva delle norme europeo in materia di antiriciclaggio: in tal senso, accogliamo con favore il piano d’azione presentato dalla Commissione nel maggio 2020 per una politica integrata in materia di prevenzione del riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo.
È necessario introdurre una nuova architettura istituzionale, con un’autorità di vigilanza europea in materia, così come un corpus normativo unico a livello europeo, al fine di assicurare norme comuni e sufficientemente ambiziose. Bisogna poi garantire l’interconnessione dei registri centralizzati dei conti e dei pagamenti in tutta l’UE, per agevolare un accesso più rapido alle informazioni finanziarie da parte delle autorità di controllo, nel pieno rispetto della legislazione in materia di tutela dei dati personali.
Considerato che la risoluzione esprime questi temi con puntualità, sottolineando inoltre l’urgenza con cui è necessario agire, ho espresso il mio voto favorevole.

Strategia dell'UE in materia di sanità pubblica dopo la crisi della COVID-19 (RC-B9-0216/2020)

10-07-2020
Dichiarazioni di voto scritte

Ho votato a favore della risoluzione del Parlamento europeo sulla strategia dell'UE in materia di sanità pubblica dopo la pandemia di COVID-19 che chiede urgentemente la creazione di un'Unione sanitaria europea.
La crisi del Covid-19 ha infatti evidenziato come l’UE non sia dotata di strumenti sufficientemente solidi per far fronte ad una malattia infettiva transnazionale: i diversi sistemi sanitari dei singoli Stati membri, infatti, hanno livelli di resilienza e qualità diversi e persiste un livello di cooperazione ancora inadeguato tra le autorità nazionali.
Ritengo dunque fondamentale che la Commissione lavori a una proposta di direttiva per la creazione di standard minimi per un'assistenza sanitaria di qualità, mantenendo la competenza degli Stati membri per la gestione, l'organizzazione e il finanziamento dei loro sistemi sanitari, ma garantendo la sicurezza dei pazienti, standard in materia di lavoro e di occupazione dignitosi per gli operatori sanitari, la resilienza dell'Europa di fronte alle pandemie e la collaborazione nella ricerca medica. Inoltre, la Commissione dovrebbe proporre la creazione di un meccanismo europeo di risposta sanitaria, per rispondere ad eventuali nuove emergenze e assicurare un coordinamento operativo efficace a livello europeo.

Nicola DANTI
Nicola DANTI

Sul NEWSHUB del PE

Quello che è accaduto in queste ore a Varsavia contro la comunità #LGBT non può lasciarci come muti spettatori. #Duda e il suo governo devono capire che la persecuzione delle minoranze non è compatibile con i valori dell'Unione Europea. E l'Unione non può restare in silenzio. https://t.co/LZ5slRlAe9 

#Marcinelle, #8agosto 1956. Nella miniera di carbone di Bois du Cazier morirono 262 minatori. 136 erano emigrati italiani A loro, che cercavano solo un futuro migliore, è dedicata la "Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo". https://t.co/bhFlAEdpwH 

RT @matteorenzi: Le choix du Président @EmmanuelMacron de visiter #Beyrouth aujourd’hui est un geste très fort dont nous sommes fiers en tant qu’européens. Merci monsieur le Président https://t.co/Ol3KlAY8Xd 

Per contattarci

Bruxelles

Strasbourg