Il Parlamento europeo
in azione
Avvenimenti principali 1999-2004

 
Il Parlamento europeo
Elezioni al PE
Organizzazione
e funzionamento del PE
Codecisione ed altre procedure
Poteri di bilancio
Controllo di bilancio
Controllo democratico
Statuto dei deputati
e dei partiti politici
Commissioni temporanee
e d'inchiesta
Altre Istituzioni UE
Riforma dell'UE
Allargamento
Diritti dei cittadini
Giustizia e affari interni
Relazioni esterne
Ambiente /
Protezione dei consumatori
Trasporti / Politica regionale
Agricoltura / Pesca
Politica economica
e monetaria
Politica sociale / Occupazione /
Diritti delle donne
Mercato interno / Industria / Energia / Ricerca
 

EPP-ED PSE Group ELDR GUE/NGL The Greens| European Free Alliance UEN EDD/PDE


Organizzazione e funzionamento del Parlamento europeo

Quando si insedierà in Parlamento, il nuovo deputato europeo dovrà iscriversi a un gruppo politico, partecipare ai lavori di una commissione parlamentare, eleggere il presidente del suo gruppo, il Presidente dell’assemblea e i suoi vicepresidenti, trovare i suoi punti di riferimento, a Strasburgo come a Bruxelles, comprendere le competenze attribuite ai vari organi del Parlamento e impegnarsi nell’attività legislativa. Ecco una breve descrizione di questo nuovo mondo.

Il Parlamento europeo uscente comprende 626 membri eletti a suffragio universale per cinque anni. L’Unione ampliata disporrà, a partire dalla legislatura 2004-2009, di un’assemblea di 732 membri composta dal numero di deputati per Stato membro stabilito dal trattato di Nizza (cfr. tabella allegata alla nota sull’allargamento).

I gruppi politici, punta di diamante dell’attività parlamentare

I deputati al Parlamento europeo non si distinguono in base alla cittadinanza, ma si raggruppano secondo le loro affinità politiche. La maggior parte di essi è iscritta a un gruppo politico. Ogni deputato può appartenere a un solo gruppo. Dal 1° luglio 2004, ciascun gruppo politico sarà composto da deputati eletti almeno in un quinto degli Stati membri e dovrà comprendere un numero minimo di 19 deputati . Nell'attuale legislatura il numero minimo è di 14 deputati provenienti da quattro diversi Stati membri.

In seno al Parlamento, vi sono attualmente sette gruppi politici che affondano le loro radici in un centinaio di partiti nazionali o regionali. I due gruppi con il maggior numero di membri sono il gruppo del Partito popolare europeo e dei Democratici europei (PPE-DE) con 229 deputati e il gruppo socialista al Parlamento europeo (PSE) con 175 deputati (stando ai dati dell’ottobre 2003). Gli altri gruppi sono il gruppo del Partito europeo dei liberali, democratici e riformatori (ELDR), il gruppo Verde/Alleanza libera europea (Verdi/ALE), il Gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica (GUE/NGL), il gruppo "Unione per l'Europa delle nazioni" (UEN) e il gruppo per l'Europa delle democrazie e delle diversità (EDD).

Ciascun gruppo politico è guidato da un presidente e da un Ufficio di presidenza e dispone di una segreteria. I deputati "non iscritti" sono quelli che non aderiscono ad alcun gruppo politico. Essi dispongono comunque di una segreteria.

Un presidente, quattordici vicepresidenti

Il Presidente, i quattordici vicepresidenti e i cinque questori sono eletti dai deputati nel corso della sessione costitutiva che si tiene dopo le elezioni europee e, poiché il loro mandato dura due anni e mezzo, a metà legislatura si svolge una nuova elezione.

Il Presidente dirige l’insieme delle attività del Parlamento. Egli presiede le sessioni plenarie, le riunioni dell’Ufficio di presidenza e quelle della Conferenza dei presidenti. Il Presidente è altresì il rappresentante del Parlamento in tutte le attività esterne e, segnatamente, nelle relazioni internazionali. Egli può delegare talune funzioni ai vicepresidenti.

L’Ufficio di presidenza è responsabile del bilancio del Parlamento e si occupa delle questioni amministrative, del personale e dell’organizzazione. Esso comprende il Presidente, i quattordici vicepresidenti, nonché cinque questori, che godono del diritto di opinione e/o consultazione. Le questioni amministrative e finanziarie direttamente concernenti i deputati sono di competenza dei questori.

La Conferenza dei presidenti è composta dal Presidente del Parlamento e dai presidenti dei gruppi politici. Le sue competenze vanno dall’organizzazione dei lavori del Parlamento alle relazioni con le altre istituzioni europee e con i parlamenti nazionali. La Conferenza dei presidenti determina le competenze e il numero di membri delle commissioni e delle delegazioni parlamentari e prepara il calendario e l’ordine del giorno delle sessioni plenarie.

Il Segretariato generale è il responsabile amministrativo del Parlamento. Esso è nominato dall’Ufficio di presidenza. L’amministrazione del PE annoverava, nel 2003, 4.191 funzionari, 511 dei quali nei gruppi politici.

Le commissioni parlamentari

La missione principale del Parlamento europeo è quella di legiferare, ossia di pronunciarsi sulle proposte di direttiva della Commissione europea e, spesso, di operare in codecisione con il Consiglio (cfr. la nostra nota sulla procedura di codecisione). Benché sia in plenaria che il Parlamento adotta le sue decisioni, i lavori vengono preparati dalle commissioni parlamentari. Nell’attuale legislatura, le commissioni sono 17 e si suddividono per argomento: bilancio, agricoltura, ambiente, ecc. Esse elaborano e approvano progetti di relazione sulle proposte legislative, ma possono anche proporre relazioni di iniziativa su questioni non legislative, come ad esempio nel settore degli affari esteri. Ciascuna commissione elegge per due anni e mezzo un ufficio di presidenza composto da un presidente e due o tre vicepresidenti e dispone di una segreteria.

Oltre alle commissioni permanenti, il Parlamento europeo può inoltre istituire commissioni temporanee e commissioni di inchiesta, a seconda delle esigenze contingenti, (cfr. la nostra nota specifica al riguardo).

Inoltre, le commissioni parlamentari miste assicurano le relazioni con i parlamenti dei paesi candidati e le relazioni delle delegazioni interparlamentari con i parlamenti dei Paesi terzi.

Una sede e tre luoghi di lavoro

Un protocollo allegato al Trattato di Amsterdam del 1997 precisa che il Parlamento ha sede a Strasburgo, ove si tengono le dodici tornate delle sessioni plenarie mensili, compresa quella di discussione del bilancio. Le sessioni plenarie aggiuntive hanno luogo a Bruxelles, così come le riunioni delle commissioni parlamentari. Il Segretariato generale del Parlamento e i suoi servizi hanno invece sede a Lussemburgo anche se, per ragioni pratiche, parte dei funzionari e dei collaboratori dei gruppi politici svolge la propria attività a Bruxelles. I lavori del Parlamento, grazie ai traduttori e agli interpreti, si tengono nelle undici lingue ufficiali che, a breve, diventeranno venti con l’allargamento dell’Unione europea.



Membri del Parlamento europeo - tabella
Gruppi politici
Organi del Parlamento
Commissioni parlamentari
Delegazioni interparlamentari

 

 

 
  Publishing deadline: 2 April 2004